Terra, Acqua, Beni Comuni

Domenica 22 Settembre 2019

Un Ponte Per… in collaborazione con Distretto Economia Solidale Altro Tirreno e Progetto Rebeldìa

Presenta il meeting Terra, acqua, beni comuni.

presso Dopo Lavoro Ferroviario – Piazza della Stazione, 16 Pisa.

La situazione critica in cui si trova il nostro pianeta è causata da un sistema economico basato sul consumo di massa; i cambiamenti climatici che stiamo vivendo ne sono la dimostrazione. In uno scenario in cui i cittadini non hanno più facoltà decisionale sulle terre che vivono e i governi non considerano l’ambiente e la preservazione delle risorse e del territorio una priorità, l’unione e la connessione fra le lotte ambientaliste e contro le grandi opere è più che mai necessaria.

Accanto a questo rimane forte l’esigenza di trovare approcci e forme sostenibili di relazione nei territori, riconoscendo e considerando comunque importante il ruolo che ognuno di noi può svolgere.

La giornata del 22 Settembre sarà l’occasione per confrontare varie esperienze, da quelle mediorientali a quelle europee fino alle più vicine esperienze italiane e toscane, facendo rete e individuando buone pratiche relativamente alla gestione dell’acqua, al turismo responsabile e all’agricoltura sostenibile.

All’evento sarà presente una delegazione del Social Forum Iracheno e del gruppo iracheno Humat Dijlah, impegnato da tempo nella preservazione del fiume Tigri, e attivisti/e che coordinano la campagna “Save the Tigris” e la campagna per salvaguardare il patrimonio ambientale e culturale della città di Hasankeyf.

Pisa può essere un punto di partenza per la creazione di questa rete: il dialogo e la condivisione delle esperienze delle lotte che vengono portate avanti nei diversi territori saranno lo strumento per individuare buone pratiche.

Modalità di svolgimento della giornata:

Ore 10:30-11:30 Plenaria d’avvio
All’inizio della giornata è prevista una assemblea plenaria di tutti i partecipanti al meeting per la presentazione delle varie realtà presenti e per introdurre i tavoli di lavoro tematici di confronto, scambio esperienze e approfondimento.

Ore 11:30 -16:30 Tavoli di lavoro e approfondimento.

  • Viaggi responsabili

A partire da pratiche già in atto, da progettualità o anche singole esperienze il tentativo sarà quello non solo di confrontare le diverse modalità e i vari approcci, ma anche quello di esplorare la possibilità di piattaforme comuni di diffusione di tali esperienze, cercando anche di individuare quanti più elementi possibili ne permettano la riproducibilità nei diversi contesti sociali.

  • Agricoltura sostenibile

Dal racconto delle varie esperienze presenti si cercheranno modelli di agricoltura sostenibile, sia in termini di produzione biologica che di etica lavorativa o anche come modalità di rigenerazione dei territori di zone che hanno vissuto conflitti. 

Capire inoltre come queste esperienze possano interloquire anche con lotte di sistema trovando “terreni” comuni contro determinati trattati internazionali di commercio tra i vari paesi.

  • Acqua bene comune e gestione dei territori.

Comune denominatore di questo tavolo sarà l’acqua e conseguenti grandi opere che vengono realizzate sfruttando le risorse dei territori, deturpando scenari e paesaggi, fino a interi ecosistemi, per il profitto dei colossi multinazionali o come forma di concessione dei governi di privilegi a intere popolazioni o a parti di esse.


Nella prima parte della giornata i tavoli lavoreranno focalizzandosi sulle tematiche specifiche. Alla ripresa dei lavori dopo la pausa pranzo (ore 13-15), piccole delegazioni di ogni tavolo tematico si sposteranno in altri tavoli (tavoli dinamici), al fine di verificare, eventualmente ampliare o demarcare maggiormente le proposte.


Ore 17:00 Plenaria Conclusiva

Restituzione e discussione collettiva delle proposte emerse dai tavoli di lavoro.

Ore 18.30: Apericena Solidale con i prodotti del territorio
a cura di Toscana Biologica

Ore 21.00: Dibattito pubblico
“Acqua: Privilegio o Diritto? Bene comune o risorsa economica?”

Interverranno:

  • Ercan Ayboga: esponente del movimento “Save Hasankeyf”
  • Salman Khairalla : esponente del movimento “Save the Tigris campaign”
  • Make Rojava Green Again
  • Forum italiano dell’acqua
  • Comitato No grandi navi

Per la partecipazione ai tavoli di lavoro e in particolare per l’organizzazione del pranzo è gradita una conferma di partecipazione alla mail califaust@gmail.com

Pranzo e apericena saranno preparati con i prodotti del territorio da Toscana Biologica.

Iniziativa verso il 3° sciopero mondiale per il clima del 27 Settembre 2019 promosso dalla rete internazionale di Fridays For Future.

Solidarietà del DESAT per Roberto Dell’Orso (WWF Pisa)

HPIM0619.JPGNel territorio del Parco Naturale di Migliarino-S.Rossore, a sud dell’Arno, si sta verificando un progressivo e grave degrado dell’ecosistema delle dune sabbiose e della zona retrodunale, a causa anche della scarsa tutela da parte delle istituzioni.

Questo fenomeno riguarda la zona che va dal bagnasciuga al Viale del Tirreno, quindi territori demaniali o di proprietà comunale o statale, ed è quindi un bene comune, che va difeso. Continua a leggere

L’Associazione Italia Nicaragua di Livorno al Comune di Pisa: difendiamo il Distretto 42!

foto-parco-galloL’associazione di volontariato e cooperazione Italia Nicaragua, circolo di Livorno, esprime la propria solidarietà con la protesta nonviolenta in atto per la difesa di un bene comune come il “Distretto 42”.

La sempre più vasta partecipazione al digiuno – unita a circa 500 firme raccolte nella petizione di quartiere e a decine di iniziative pubbliche ospitate nel Distretto 42 – è la conferma di quanto profondamente la cittadinanza condivida il progetto promosso dal Municipio dei Beni Comuni.
Continua a leggere

Francuccio Gesualdi: lettera aperta al Comune di Pisa sul Distretto 42

fam-parco-galloScrivo per esprimere tutto il mio sdegno per l’atteggiamento di chiusura mentale, politico, sociale, costituzionale, assunto dall’amministrazione di Pisa (che non si merita l’appellativo di amministrazione comunale, bensì di amministrazione privatistica) nei confronti dell’ex-caserma posta in via Giordano Bruno. Uno spazio urbano di proprietà collettiva che l’amministrazione eletta dal popolo, non solo ha colpevolmente trascurato e lasciato che rimanesse in stato di abbandono, ma che non difende neanche quando un gruppo di cittadini si impegna per riportarlo in uso a beneficio di tutta la comunità.
Continua a leggere

Scuola del Cerreto / Laboratorio del tempo e delle correlazioni semplici / seminari residenziali

Scuola del Cerreto_Locandina2014_2

Una proposta che nasce anche dalla rete di relazioni del DESAT.
TARIFFE AGEVOLATE

Scuola del Cerreto
Laboratorio del tempo e delle correlazioni semplici
Seminari NSF
Natura / Salute / Filosofia
un ciclo mensile di 6 seminari residenziali fino a maggio

DoveBio Agriturismo Il Cerreto – Strada comunale Cerreto-Canova, 45
56045 Pomarance Pisa – Tel. 0588 64213

QUI il PROGRAMMA DETTAGLIATO (pdf)
Clicca qui per vedere e scaricare la locandina riassuntiva (pdf)
Clicca sull’immagine a destra per vedere la locandina in jpg
Pagina Facebook Continua a leggere

Appello del DES Altro Tirreno – #16Nov: un fiume in piena

#16NOV

Il Distretto di Economia Solidale Altro Tirreno (DESAT) partecipa e invita tutti i suoi soci e socie a prendere parte alla manifestazione del 16 novembre 2013 a Pisa lanciata dal Municipio dei Beni Comuni per rientrare all’Ex-Colorificio. (http://www.inventati.org/rebeldia/movimenti/16nov.html)

Continua a leggere

#16NOVEMBRE / manifestazione in difesa dei Beni comuni

#16NOVDeterminati, sereni e insieme a chi, in tutta Italia, lotta per i beni comuni e il diritto alla città.

Il #16Nov è la nostra risposta alla politica che invade il patrimonio pubblico e lo regala agli appetiti privati, che antepone le prerogative della proprietà di pochi all’interesse collettivo.

Continua a leggere

Invito del Direttivo DESAT a Common | Properties

common-propertiesL’EX COLORIFICIO LIBERATO È PATRIMONIO COLLETTIVO
COMMON PROPERTIES: TRE GIORNI PER COSTRUIRE ASSIEME UN’ECONOMIA DIVERSA

La nascita del Municipio dei Beni Comuni e la liberazione dell’ex Colorificio toscano sono stati due momenti importanti per Pisa e per i movimenti che la abitano. Sono stati i primi tasselli di un mosaico nuovo, capace di descrivere e di raccontare una storia diversa fatta di cooperazione, solidarietà, sostenibilità. Continua a leggere