Una dura storia di Cuoio – Presentazione il 5 luglio

Dura Storia di CuoioIl Centro Nuovo Modello di Sviluppo all’interno del progetto europeo “Change your shoes”, che ha per finalità le criticità sociali e ambientali della filiera globale della calzatura in cuoio, ha effettuato una ricerca sul distretto di Santa Croce attraverso attività di documentazione istituzionale e interviste a lavoratori, sindacalisti, esperti del settore, imprenditori, rappresentanti delle associazioni imprenditoriali.

Di fronte alle dure affermazioni pronunciate dal presidente dell’Associazione Conciatori toscana, Franco Donati, nei confronti del Centro e della ricerca svolta, il Distretto di Economia Solidale di cui il CNMS fa parte, ha organizzato a suo sostegno l’incontro presso l’Università di Pisa:

Una dura storia di cuoio”: Santa Croce come esempio di competizione globale, precarietà locale

Dipartimento di Economia e Management – Università di Pisa

martedì 5 luglio ore 16:00

Aula A2 Polo Piagge – Via Giacomo Matteotti, 11 – Pisa

intervengono:

  • Francesco Gesualdi (coordinatore del Centro Nuovo Modello di Sviluppo)
  • Papa Demba (sindacalista UIL)
  • Simone D’Alessandro (professore di economia politica)


Incontriamo Francesco Gesualdi del Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano, coordinatore del dossier “Una dura storia di cuoio“, realizzato nell’ambito della campagna “Abiti Puliti”.
Analizzeremo quanto emerso dallo studio e le criticità che si celano dietro il distretto conciario di Santa Croce sia rispetto alle condizioni di lavoro che alle problematiche ambientali. Parteciperà anche Papa Demba, conoscitore del distretto e della realtà vissuta dai lavoratori immigrati che rappresentano una parte importante della forza lavoro del settore conciario.

Obiettivo dell’incontro è non solo conoscere meglio un settore problematico che fa parte del nostro territorio, ma anche capire quali iniziative possono essere assunte, come consumatori e come cittadini, per indurre imprese e decisori politici a risolvere le problematiche esistenti.

diffondi:

approfondisci:

Hits: 53

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *